mulberry bags mulberry outlet mulberry sale mulberry handbags mulberry bag mulberry bags mulberry outlet mulberry sale mulberry handbags mulberry bag mulberry purse mulberry bayswater mulberry outlet york mulberry factory shop mulberry uk mulberry purse mulberry bayswater mulberry outlet york mulberry factory shop mulberry uk sac longchamp saint francois longchamp sacs longchamp sac longchamp pliage longchamp pas cher Babyliss Pro Perfect Curl babyliss curl secret babyliss perfect curl babyliss babyliss pro

untitled

Caprarica città del turismo rurale

di Angelina Travaglini

Il Salento non smette mai di sorprendere. E’ il caso di Caprarica di Lecce, il comune alle porte di Lecce che propone un itinerario di turismo rurale all’insegna del teatro, della lettura, della musica e del buon cibo.

fgdxtgx

Il progetto viene presentato nel week end del 26 ottobre nell’ambito di un convegno, ospitato nella Masseria Stalidi Leo Piccinno, che vede riuniti i vertici delle associazioni e degli enti preposti alla salvaguardia e alla tutela del territorio, il cui titolo “Rigenerazione agricola post xylella. Primi dati per guardare al futuro” è esemplare di come la comunità di Caprarica affronta e supera il problema degli ulivi malati.
Caprarica apre le porte del Palazzo Baronale e dei suoi tanti frantoi ipogei facendoli rivivere in luoghi ridenti di cultura e di partecipazione. Il racconto della storia della comunità è affidato agli attori di 29nove che ne interpreta le voci, il sentire e le tradizioni. Dal duro lavoro nei frantoi alla storia dell’emigrazione per approdare all’oggi, ad una comunità accogliente e coesa che l’innovazione e la bellezza ce l’ha nel sangue. Il racconto degli attori si dipana dal Palazzo Baronale lungo le vie del centro storico trovando nei “ritrovati” frantoi ipogei e nelle belle corti un palcoscenico ideale.
Una bella curiosità sono i pannelli e gli stendardi che Caprarica dedica ad Antonio Verri; romanziere, poeta e pubblicista, Verri fu uno dei cosiddetti “poeti maledetti salentini”. Il 22 Febbraio 2017, il suo paese lo ha voluto commemorare intitolando la Scuola Primaria e Secondaria, con il “Premio fogli di poesia” e con dei percorsi a lui dedicati intitolati Caprarica del Poeta ed inaugurati in occasione della Fiera di San Marco e di Corti in Tavola.

L’itinerario turistico di Caprarica ha il suo clou nella Camminata tra gli ulivi, giunta alla terza edizione; ed è il sindaco, l’avvocato Paolo Greco, ad aprire il corteo di giovani studenti e delle loro famiglie, impegnati in un progetto di lettura #ioleggoperché (per l’acquisto di libri per la realizzazione del fondo della biblioteca comunale) e a condurci da piazza Vittoria fino all’aperta campagna.
Il paesaggio che si svela lungo la Camminata tra gli olivi si articola anche nella visita alle masserie. La Masseria Chiusura di sotto del dottor Pantaleo Greco, presidente di APROL (Associazione dei Produttori Olivicoli) di Lecce, ha investito più di 3 ettari di terra nella coltura di giovani ulivi; fra 3 anni la favolosa bio darà i suoi frutti. Le mandrie della masseria pascolano tra i campi e ci accompagnano con lo sguardo nella camminata che si conclude nel campo della Masseria Li Curti, dove la festa esplode in un pranzo tra gli olivi, organizzato dalla Cooldirettidi Lecce, al ritmo della pizzica del gruppo Io, te e Puccia, tra gli effluvi del Primitivo e del Negroamaro.
Luoghi di interesse: Il Palazzo Baronale occupa la zona adiacente a Piazza Vittoria. La facciata, in stile tardo-rinascimentale, è in pietra leccese. Su di essa si apre un portale d’ingresso. Il balcone centrale presenta motivi decorativi floreali. Grandi palme e aranceti donano al cortile un gusto orientale ed esotico. Una torretta, con al centro lo stemma della casata, sancisce l’angolo tra Piazza Vittoria e Via Calimera. L’arredamento, sobrio ed elegante, riporta all’essenza stilistica dei due secoli recenti: elementi barocchi si fondono con tracce di liberty.

La Serra di Caprarica di Lecce è un grande parco immerso nel verde dove poter trascorrere piacevoli giornate all’insegna della riscoperta della natura. La “Serra” è la “montagna” del Salento, uno dei punti più alti del territorio. Tante le iniziative che vedono protagoniste la Serra di Caprarica dove a Pasquetta, si organizza una giornata ricca di musica, giochi e divertimento. Percorsi in mountain-bike, passeggiate in pony, partite di calcetto sono solo alcune delle attività che si possono svolgere in questo luogo meraviglioso.

La Cappella del Crocefisso venne costruita dal marchese Fabiano Giustiniani nella prima metà del XVIII secolo. Ad uno sguardo superficiale la cappella sembrerebbe di stile tardo rinascimentale, ma all’interno rispecchia pienamente i canoni del barocco leccese e per questo è considerata uno dei gioielli nascosti del barocco leccese. Internamente la chiesetta è caratterizzata da una pianta a croce latina con un’unica navata e conserva, sul suntuoso altare maggiore, un prezioso crocifisso ligneo.  L’altare principale è riccamente decorato con foglie, frutti e angeli. In questi ultimi è evidente la tradizione barocca poiché hanno occhi e bocca socchiusi. Sul lato sinistro vi è un altro altare dedicato a San Michele e sorretto da due colonne intagliate nella pietra leccese.

La Cappella della Madonna del Carmine risale al 1700, anche se alcune tracce lasciano supporre date precedenti. Un tempo all’edificio era annesso un convento dei Carmelitani, probabilmente cacciati via durante le lotte degli iconoclasti. E’ situata in Largo San Marco di fronte ai giardini pubblici.Si possono ammirare tre altari. Uno di essi è dedicato a Santa Lucia, mentre l’altro a San Marco. Santi che animano le Fiere di Caprarica di Lecce.Nel corso degli anni la Cappella ha subito vari restauri. L’ultimo ha consentito il recupero di vari reperti interessanti: alcune finestre del presbiterio, tombe dove erano seppelliti monaci del convento, uno stemma sul soffitto che riporta uno scudo con una montagna circondata da stelle.

73513667_521545718688107_8534953474398355456_n

La Cappella di Santa Maria sorge all’angolo tra via Cisterna vecchia e la via vecchia per Martignano.All’interno essa si presenta limpida e pulita con un pavimento realizzato in cemento bianco e graniglia verde che forma dei motivi floreali. Sul retro vi è un piccolo giardino con una casetta ed una scala che porta al piccolo campanile di gusto neogotico, il quale termina con la guglia centrale rivestita in cemento e decorata con croci multicolori.

Dove alloggiare: Monterussi bed and breakfast di Maria De Matteis, via Caprarica 113,Cavallino (Lecce), www.monterussi.itmonterussisalento@gmail.com tel. 3406494206

Dove mangiare: Masseria Stali, agriturismo nel Salento, via Cisterna Vecchia, 4773010 Caprarica di Lecce www.masseriastali.itinfo@masseriastali.it tel. 349.7439463

Oltregusto Ristorante pizzeria di Gianni Rosato Via IV Novembre, 66, 4773010 Caprarica di Lecce

Dove acquistare prodotti tipici enogastronomici e non solo: Per …Bacco enoteca e prodotti tipici di Cristina Cucurachi, via IV Novembre 4773010 Caprarica di Lecce enotecaperbacco.cristina@gmail.com tel. 3294069585

Inserire un commento

L'indirizo di email non verrà pubblicato.




Galleria Video

Blu notte – Mafia & Politica – Parte 1
bluenotte
TOTO’ E I POLITICI DI CASA NOSTRA
mqdefault
“L’ULTIMA PREPOTENZA” Mario Albanesi non infangare
“L’ULTIMA PREPOTENZA” Mario Albanesi non infangare
Gli umani e gli altri: WWF per i 50 anni
Gli umani e gli altri: WWF per i 50 anni
Dadone (M5S): “Quote rosa? Meglio preferenze…
Dadone (M5S): “Quote rosa? Meglio preferenze…
Guarda ancora
WordPress SEO fine-tune by Meta SEO Pack from Poradnik Webmastera